Eleonora Amira/Appunti di danza /Esercizi di danza del ventre, per chi non ha tempo!
Esercizi di danza del ventre

Esercizi di danza del ventre, per chi non ha tempo!

Vuoi migliorare nella danza del ventre, ma non sai quando allenarti? Credi che portare a termine degli esercizi di danza del ventre ogni giorno sia impossibile perché non hai tempo? Oggi ti farò cambiare idea!

Da quando mi sono trasferita e vivo da sola ho dato tutta un’altra importanza al tempo libero: le mie giornate non si dividono più solo tra lavoro e danza, ma anche tra gestione della casa e pensieri ad essa collegati (La bolletta l’ho pagata?! Ed il condominio? Lista della spesa pronta? Le piante le ho annaffiate? … ) il tutto da far rientrare negli impegni lavorativi e “danzerecci”.
Detta così sembra una situazione incasinata (e lo è, onestamente), che deve portare a qualche rinuncia. Con un’adeguata organizzazione vi assicuro però che è possibile fare tutto. Magari può risultare difficile all’inizio, ma piano piano ci si abitua a questi ritmi e tutto si incastra come un puzzle.
Il tempo per le cose che ci piacciono, inutile nasconderlo, si riduce davvero e quindi occorre ottimizzarlo!

 

Esercizi di danza del ventre

esercizi di danza del ventre

È per questo motivo che, non avendo più tutto il tempo libero di prima a disposizione ho dovuto trovare un modo alternativo per allenarmi in maniera costante ed assidua, elaborando così una serie di esercizi di danza del ventre per allenarmi ogni giorno, che si potessero svolgere in qualsiasi momento.

Gli esercizi che vi sto per proporre non sono un sostituto di un corso di danza, ma un alleato. Di solito i corsi sono composti da un incontro settimanale di un’ora e mezza ciascuno. Questo numero di ore, considerandole mensilmente, è perfetto per chi nella danza cerca un po’ di relax.
Potrebbe arrivare un momento in cui però si desideri fare di più e potrebbe venir voglia di ripetere gli esercizi di danza del ventre visti a lezione anche a casa, il che è perfetto, se si riuscisse a mantenere il proposito che invece si perde presto perché il tempo sembra non bastare mai.

Questa estate vi avevo spiegato come ricreare una lezione di danza completa comodamente a casa al fine di non perdere l’allenamento durante l’estate (potete leggere l’articolo cliccando qui!).
L’articolo so che è stato molto utile prima che riprendessero i corsi, ma ora che i corsi sono ripresi, sono riprese anche tutte le altre attività (scuola, università, lavoro) e trovare due ore intere libere a settimana per allenarsi in maniera “extra” potrebbe non essere così semplice.
Perché quindi non inserire questi esercizi di danza del ventre proprio mentre si è già impegnate a far altro? In questo modo, non togliendo tempo a nessuna attività potrete anche allenarvi.

Vediamone alcuni!

Shimmy, 15 minuti al giorno?

Lountitled-design shimmy necessita di tanto studio ed esercizio, proprio per questo occorre allenarlo il più possibile. Solo allenandolo lo si può rendere fluido, visibile e forte.
E come fare se non si ha tempo? Ora vi svelo il primo degli esercizi di danza del ventre che faccio spesso (e che consiglio sempre anche alle mie allieve) che vi farà allenare il vostro shimmy per almeno 15 minuti al giorno, senza togliere tempo ad altre attività.
Quanto ci mettete la mattina a lavarvi i denti? E la sera? Scommetto che nella testa avete pensato almeno a 5 minuti ed altri 5 serali, giusto? Ecco, “shimmare” mentre ci si lava i denti è sicuramente un ottimo modo per iniziare e finire la giornata, muovendosi!
(se potete sfruttare anche la pausa pranzo, arrivate a 15 minuti al giorno, che per una settimana sono quasi 2 ore! Non male considerando che pensavate di non avere tempo, no?)

Esercizi addominali, mentre si lavora

untitled-design-1Avere l’addome fluido e un’isolazione definita è il sogno di ogni ballerina di danza del ventre. Questo movimento, se non si ha la fortuna di averlo innato (che rabbia vi fanno quelli che senza studiare danza del ventre ondeggiano con la pancia??!!!) si deve semplicemente esercitare.
E quando? Ecco, se lavorate sedute alla scrivania, non avete idea di quanto semplice possa essere allenarlo tra una scadenza lavorativa e l’altra. Partiamo con lo stare sedute a schiena perfettamente dritta e spalle aperte, il che da solo basterebbe per avere benifici alla schiena e contrastare la cattiva postura che si tende ad assumere quando si lavora molto al computer. Una volta che vi sentirete “stabili” con la schiena iniziate a contrarre la parte superiore e rilasciate, contraete la centrale e rilasciate ed infine contraete la parte inferiore e rilasciate. Poi si ricomincia! Scegliete voi quanto tempo allenare questo movimento, l’importante per non andare in apnea è ricordarsi di mantenere costante il respiro.

L’autobus non passa? Approfittatene per migliorare la postura!

Un altro degli esercizi di danza del ventre che faccio spesso è quello di concentrarmi untitled-design-2sulla postura, più la postura viene usata nella vita quotidiana più sarà facile non perderla mentre si danza.

La postura della danza orientale, oltre a conferirvi molta eleganza, allevia anche tanti doloretti, sopratutto quelli della schiena. Se siete alla fermata dell’autobus o fate un lavoro in cui dovete stare spesso in piedi ricordarvi di tenere i piedi paralleli, le ginocchia leggermente piegate, il bacino retroflesso, spalle basse e ben aperte e testa alta vi permetterà di prendere confidenza con questa postura. Se lo fate spesso ne sentire i benefici e noterete presto che danzare in postura verrà automatico!

Migliorare l’uso delle mani, al PCuntitled-design-3

Nella danza, non solo quella del ventre, l’uso della mani è fondamentale. Le mani servono a terminare la figura del nostro corpo e a comunicare le nostre emozioni. Ci sono vari modi per utilizzarle e variano in base allo stile (orientale o tribal fusion). Esercitare i movimenti, le rotazioni e le ondulazioni delle mani è utilissimo per raggiungere un’ottima padronanza nell’uso delle stesse, farlo mentre siete a lavoro o al computer vi permetterà non solo di migliorare il movimento, ma anche di favorire la circolazione! Un doppio effetto in un gesto semplicissimo!

E per finire.. una tisana mentre si fa stretching!

Finire la giornata, così come una lezione di danza, con un po’ di stretching vi aiuterà a rilassare i muscoli, le tensioni e migliorareuntitled-design-4 il sonno. Una volta arrivate a casa concedetevi un bagno caldo per distendervi, mettete un po’ di crema (l’arnica va benissimo, ma anche l’artiglio del diavolo) su eventuali parti contratte e massaggiate. Mettetevi comode e preparate un po’ di acqua calda su un pentolino, mentre attendete che raggiunga l’ebollizione dedicatevi allo stretching. Una volta finito, sarete pronte per terminare la vostra giornata con una tisana calda!

 

Fatemi sapere come va’ l’allenamento suggerito e sopratutto, non dite più di non aver tempo! 😉

 

Ti è piaciuto l'articolo? Il tuo voto contribuirà a creare contenuti migliori.
  • SI 
  • NO 

No Comments

Post a Comment

7 + 3 =