Eleonora Amira/Consigli per ballerine /Imparare una coreografia in..5 mosse!
Come imparare una coreografia

Imparare una coreografia in..5 mosse!

Il saggio di fine anno si avvicina? La vostra insegnante vi ha spiegato alcune coreografie, ma non riuscite a fissarle nella memoria? Ecco qualche consiglio per migliorare la capacità di apprendimento, allenare la memoria e imparare una coreografia.

C’è poco da fare, se si fa parte di un gruppo o di una compagnia, arriverà sempre il momento in cui (per quanto amanti dell’improvvisazione) vi ritroverete a dover imparare una coreografia e con essa tutti i passi, le sequenze e le posizioni.

La parola “coreografia” per me ha sempre rappresentato un discreto dramma, amo la danza ed adoro ballare in gruppo, ma preferisco l’istinto e l’impulso dell’improvvisazione, costringermi in schemi coreografici mi risulta quindi un po’ difficile.

Difficile, però non significa impossibile! Questa parola in danza non esiste, è tutto possibile, a costo di qualche sforzo e sacrificio naturalmente, ma è tutto possibile.

Oggi parleremo di come memorizzare e imparare una coreografia e le relative posizioni sul palco.

I miei 5 “segreti” per imparare una coreografia

1) P&P
2) Movimento e musica
3) Il “subito prima”
4) Riferimenti sul palco
5) Repetita iuvant

Andiamo ad analizzare uno ad uno queste tecniche per imparare una coreografia!

P&P, vale a dire: pen and paper

Carta e penna sono di fondamentale importanza durante lo studio di una coreografia. Ci avete mai provato?
Può sembrare insolito trovarsi a studiare su carta dei movimenti, eppure scrivere con un linguaggio di vostra comprensione una sequenza può aiutarvi a fissarla nella mente.

Imparare una coreografia scrivendo? Provare per credere!

Avete mai provato a scrivere una coreografia?

Vi faccio un esempio: “entrata in 4 tempi con braccia in seconda. Stop fronte pubblico e braccia in terza sul 5. Due drop destra, 1 baladi destra, cavallo, giro con destra dietro.”
Questo è l’inizio di una mia coreografia, anche se per voi quanto ho appena scritto potrebbe risultare difficile da comprendere, per me è chiarissimo, quindi non dovrete fare altro che scegliere il vostro linguaggio e da lì vi risulterà semplice attribuire dei nomi ai vostri movimenti, scriverli e quindi ricordarli.

Associare movimento a musica

Questo metodo è basato sulla musicalità del brano, ogni movimento è di solito assegnato ad un numero del conteggio, se riuscite a collegare il conteggio agli accenti (del tempo o del ritmo) sui quale è stata costruita la coreografia, allora danzarla e ricordarla sarà ancora più semplice.
Cercate di ricordare su quali parole fate quel passaggio di gambe, su quale strumento ci sono le braccia o su quale accento di tabla avete un determinato scatto o passo.
Più sentirete il brano e più avrete la possibilità di ricordare che in quel preciso momento musicale, è assegnato un preciso passo: a quel punto oltre a ricordare la musica verrà automatico ricordare anche i movimenti.

Ricordare il “subito prima”

Uso anche questa tecnica, che ho chiamato del “subito prima”, per imparare una coreografia, sopratutto per memorizzare le sequenze che in testa proprio non vogliono entrare.
Capita spesso di finire un movimento e chiedersi.. “e ora che c’è?”
Niente panico, c’è una soluzione anche a questo, provate a imparare la coreografia al contrario!

Mi spiego meglio, io associo l’inizio di una sequenza alla fine di quella prima, sforzandomi di ricordare l’attacco che è strettamente collegato al finale del precedente.
Immaginate due sequenze, una inizia con lo shimmy, ma proprio non riuscite a ricordarlo, neanche sentendo la musica. Cosa c’è subito prima dello shimmy? Se la sequenza precedente termina con un giro ed un frusta di testa, vi sarà sufficiente associare questi due movimenti per non dimenticare di partire con la sequenza dello shimmy. Facile no? Arrivata la frustra, si inizia lo shimmy!

Prendere dei riferimenti sul palco

Utile può essere, in una coreografia con molti cambi di posizione, ricordare cosa fate e dove, ma sopratutto chi avete accanto.
Se state eseguendo un assolo per orientarvi sarà sufficiente visualizzare mentalmente il quadrato Vaganova, se non siete sole avrete quindi delle ragazze intorno a voi a destra, sinistra, avanti o dietro. Prendere il quadrato o le persone come riferimento può essere utile per ricordare dove andare e cosa fare una volta arrivate “a destinazione”, purché quelle persone sappiano bene dove andare.
Fate il più possibile affidamento sulla vostra memoria, ma se c’è qualche ragazza veramente sicura, seguitela con gli occhi nei momenti di difficoltà per usarla come riferimento.

Ripetere, ripetere, ripetere

Non provare mai dietro le quinte!

Ripassare una coreografia si, ma mai dietro le quinte!

Mai dietro le quinte, ma ripetere tanto in fase di studio è importante per imparare una coreografia. Repetita iuvant vale anche per le prove di danza, ma -un po’ come per gli esami che non si ripete mai pochi minuti prima di affrontare un discorso davanti ad un professore- non si prova mai prima di entrare in scena: avete studiato e tanto, avete provato e riprovato quindi evitate di provare 5 minuti prima di esibirvi, il rischio sarebbe quello di fare confusione.
È necessario invece ripetere, sia fisicamente sia mentalmente, le coreografie durante lo studio, anche quando non si può ballare, ad esempio alla fermata dell’autobus, in pausa pranzo a lavoro, prima di andare a dormire.
Potete farlo ascoltando la musica e eseguire i movimenti nella testao anche guardando e riguardando il video della coreografia.
(potete riprendere la vostra insegnante o anche farvi un video mentre eseguite la coreografia)

E se si sbaglia?

Inutile dire che lo studio costante è il primo di tutti i segreti.
Essere sempre presenti a lezione, dedicarsi con impegno allo studio (prima tecnico e poi coreografico) vi aiuterà a sentirvi sicure di voi e quindi pronte ad affrontare lo spettacolo al meglio.

Da ultimo, ma non meno importante, non dimenticate di sorridere: rilassatevi e godetevi il vostro momento danzante, stare serene durante l’esibizione distenderà la vostra mente e vi aiuterà a non sbagliare!

Avete sbagliato un accento? Siete andate per un attimo a sinistra invece che a destra? Nessuno può sapere se è parte della coreografia, continuate a danzare recuperando l’errore con disinvoltura e non smettete di sorridere, state ballando, state vivendo una magia ed anche un piccolo errore è perdonato ad una ballerina che sta creando energia positiva, credetemi!

E voi? Quali tecniche usate per imparare una coreografia?

Spero che questi consigli vi torneranno utili, se vi interessa invece leggere qualcosa di più sulla musica araba vi consiglio di cliccare qui!

A me non resta che augurarvi un buon inizio di settimana e, come sempre, buona danza!

Ti è piaciuto l'articolo? Il tuo voto contribuirà a creare contenuti migliori.
  • SI 
  • NO 

Comment: 1

  • Johnk678
    Rispondi 16/08/2018 08:15

    Hey very nice blog!! Man .. Beautiful .. Amazing .. I’ll bookmark your website and take the feeds alsoI am happy to find a lot of useful info here in the post, we need work out more techniques in this regard, thanks for sharing. . . . . . bafaadbgdcfk

Post a Comment

+ 33 = 34